YOUinjapan.net

ENG lan  ESP lan  ITA lan
<- Torna al menù
Compara assicurazioni di viaggio →
Ti serve un Pocket WiFi router per il tuo viaggio? →


Seguici su youtube
11 Ott 2022: Giappone riapre frontiere dopo 3 anni
Da dove e quando partono i voli più economici dall'Italia al Giappone?
Trova il volo con il prezzo più basso in un clic
Ti serve il
Japan Rail Pass?
SPEDIZIONE GRATUITA IN 24 ORE
ORDINALO ONLINE
About Questo sito non ti basta?

Facebook

Cerimonia del Tè

La Cerimonia del Tè (茶道, sadō/chadō, oppure 茶の湯, chanoyu) è un rituale della cultura giapponese legato al buddismo e più in particolare alla filosofia zen. Il semplice compito di preparare una bevanda di tè per un ospite viene in Giappone elevato a forma d'arte durante la cerimonia, con una serie intricata di movimenti eseguiti in un ordine rigoroso. La cerimonia del tè giapponese consiste nel preparare, servire e bere il tè in un modo cerimoniale. Lo scopo della cerimonia del tè è creare un legame tra i partecipanti, ricercare la pace interiore e promuovere benessere, consapevolezza e armonia. Il tè utilizzato è un tè verde in polvere chiamato tè matcha.

Storia

L'origine di una cerimonia formale che accompagnasse e regolasse il consumo del tè è sicuramente in Cina, dalla quale il Giappone importò per la prima volta la pianta attorno all'ottavo secolo. Il periodo più plausibile è quello della dinastia Song (960-1279), quando la diffusione di questa bevanda tra le classi aristocratiche cinesi avrebbe innescato il diffondersi di semplici cerimoniali. Sempre al periodo della dinastia Song risale la diffusione nei monasteri buddisti cinesi dell'usanza di bere da una tazza di tè di fronte a una statua di Bodhidharma, come sostegno fisico alle estenuanti pratiche meditative grazie alla caffeina contenuta.

In Giappone, Il monaco Eisai, fondatore della scuola buddista zen Rinzai, è accreditato per aver reso popolare il tè nel paese dopo essere tornato da un pellegrinaggio in Cina nel 1191. Nei secoli successivi del Periodo Kamakura (1185-1333) la bevanda guadagnò popolarità tra persone di tutte le classi sociali, ed in particolare tra gli aristocratici. Fu in questo periodo che si diffuse anche la pratica del Tōcha (闘茶), termine che indicava delle gare tra amici in cui si degustavano una serie di tazze di tè e ci si sfidava a indovinare le regioni di provenienza delle foglie di tè.

Fu il monaco zen rinzai Murata Shukō (1423-1502) a elaborare, insieme al maestro Ikkyū Sōjun (1394-1481) il primo cerimoniale del tè in Giappone. Questo cerimoniale si fondava sul principio di "leggere il Dharma del Buddha anche nella bevanda del tè", eliminando ogni ostentazione di ricchezza e quella decadenza spirituale tipica del Tōcha, portando la cerimonia del tè ad un livello di maggiore semplicità e sobrietà.

Nel 1489 l'ottavo shōgun del clan Ashikaga, Yoshimasa (1435-1490), dopo essersi ritirato dall'incarico di governo, si trasferì in una villa-tempio fatta da lui costruire nel 1473 a nord-est di Kyōto. Yoshimasa trascorse in questa villa il resto dei suoi giorni, promuovendo incontri di poesia e di arti tradizionali. Venuto a conoscenza della cerimonia del tè elaborata da Murata Shukō, lo invitò nella propria residenza per saperne di più. Questa residenza esiste ancora oggi ed è possibile visitarla: è l'odierno Tempio Ginkaku-ji ("Padiglione d'argento") di Kyoto. Affascinato dalla nuova arte tradizionale zen, Yoshimasa divenne subito un attivo promotore della cerimonia del tè. Oggi il Ginkaku-ji è considerato, tradizionalmente, il luogo di nascita della cerimonia del tè.
ginkakuji temple in kyoto il Tempio Ginkaku-ji a Kyoto
Terzo grande maestro del tè fu un altro monaco zen, Sen no Rikyū (1522-1591), universalmente considerato il codificatore ultimo della Cerimonia del Tè. La Cerimonia del Tè praticata oggi, in tutti i suoi stili, è basata sui quattro principi basilari messi per iscritto da Sen no Rikyū.

I quattro principi della cerimonia del tè di Sen no Rikyū

Dove avviene la Cerimonia del Tè

La cerimonia si svolge in una stanza con pavimento tatami. Questa è tradizionalmente circondata da un giardino, dallo stile semplice per incoraggiare uno stato d'animo tranquillo. La sala da tè (chashitsu) è solitamente abbastanza piccola (la dimensione standard è di quattro tatami e mezzo) e prive di qualsiasi arredamento. La stanza deve essere infatti più vuota possibile, così come dovrebbero essere le menti degli ospiti durante la cerimonia, vuote da qualsiasi pensiero futile. L'unico elemento decorativo è solitamente una tipica alcova rialzata (tokonoma) al cui interno è appesa un'opera di calligrafia (shodo) o una composizione floreale (ikebana, che in questo contesto prende il nome di chabana, "fiori per il tè"). La calligrafia e i fiori, se presenti, sono adattati alla circostanza dell'evento e alla stagione.
tea ceremony tatami room una sala da tè tradizionale giapponese

Come avviene la Cerimonia del tè

Ciò che differenzia la cerimonia del tè giapponese da qualsiasi altro rituale legato al consumo di tè nel mondo, è che nella visione giapponese il fine del rito non è il preparare e bere il tè, ma questi ultimi sono solo un mezzo per raggiungere un'armonia con la natura e una pace interiore che favorisca la meditazione, come da tradizione zen. Il protocollo di una cerimonia del tè è definito dai movimenti esatti delle mani che variano leggermente tra le diverse scuole. Oggi esistono tante scuole di Cerimonia del Tè in Giappone, ognuna col proprio stile. Le più importanti, fondate da vicini discendenti di Sen No Rikyu, sono Ura Senke, Omote Senke, e Mushanokoji Senke. Le differenze tra uno stile e l'altro sono tuttavia trascurabili se non siete degli esperti, qualsiasi cerimonia del tè prevede una procedura comune.

Prima entrano nella sala da tè gli ospiti, in ordine di importanza, i quali effettuano un inchino e prendono posto sul tatami seduti in posizione seiza. Una volta che tutti si sono seduti, si effettua un altro inchino e si può osservare la stanza e le sue decorazioni. Dopo l'ingresso degli ospiti appare, dietro una porta scorrevole, colui che deve preparare il tè, il teishu, che a volte porta con se il set per la preparazione del tè.
tea ceremony
Anche il teishu prende posto sul tatami in posizione seiza. A questo punto il teishu inizia a posizionare i vari utensili e a preparare il tè davanti agli ospiti. L'attrezzatura principale include il fazzoletto di lino per asciugare la tazza dopo averla lavata (chakin), un altro fazzoletto in seta per pulire il chashaku e il chaki (fukusa), il frullino di bambù per mescolare il tè matcha con l'acqua calda (chasen), il contenitore per il tè in polvere (chaki), il misurino per il tè (chashaku), la ciotola per il tè (chawan) e il piatto per i dolci (higashibon).
tea ceremony utensils
Prima della fine della cerimonia, è previsto anche un momento per guardare da vicino la ciotola e gli altri utensili utilizzati e apprezzarne lo stile e le decorazioni. Tradizionalmente, quando tutti hanno finito di bere, l'ospite più importante chiede il permesso di esaminare gli utensili, ciascuno così si passa di mano in mano i vari oggetti, e la ciotola viene osservata per ultima. La cerimonia termina quando il teishu lava gli utensili utilizzati e riporta l'attrezzatura nella posizione in cui si trovavano prima di iniziare la preparazione. Il teishu si inchina davanti agli ospiti, si alza ed esce dalla stanza richiudendo la porta scorrevole.
tea ceremony sweets okashi
tea ceremony drinking tea
Una volta finito di bere, ciascun ospite pulisce il bordo della tazza e la posa davanti a se, si inchina e ringrazia il teishu, il quale riprenderà in mano la tazza e si occuperà di lavarla. In alcuni casi il teishu potrebbe offrire una seconda tazza di tè prima di iniziare la fase del lavaggio.
tea ceremony bowing
Prima della fine della cerimonia, è previsto anche un momento per guardare da vicino la ciotola e gli altri utensili utilizzati e apprezzarne lo stile e le decorazioni. Tradizionalmente, quando tutti hanno finito di bere, l'ospite più importante chiede il permesso di esaminare gli utensili, ciascuno così si passa tra le mani i vari oggetti, finchè per ultima viene osservata la ciotola. La cerimonia termina quando l'ospite lava gli utensili utilizzati e riporta l'attrezzatura nella posizione in cui si trovavano prima di iniziare la preparazione. Il teishu si inchina davanti agli ospiti, si alza ed esce dalla stanza richiudendo la porta scorrevole.

Assistere alla Cerimonia del Tè in Giappone

Per una nicchia di appassionati la Cerimonia del tè è oggi considerata una forma di arte tradizionale. Sono necessari anni di pratica per raggiungere il punto in cui un Maestro della cerimonia riesce ad eseguire ogni singolo movimento alla perfezione e con il minimo sforzo mentale. Tuttavia ci sono anche tante persone in Giappone che praticano la Cerimonia del Tè come un semplice hobby, e ci sono anche luoghi in cui i turisti possono provare questa esperienza. Se avete la fortuna di passare un periodo di studio in un'università giapponese, probabilmente troverete, tra i tanti club degli studenti, anche un club della cerimonia del tè dove potrete praticare la cerimonia insieme ad altri studenti. Se siete dei turisti in Giappone, avrete due alternative:
traditional japanese matcha tea set tipico set di tè matcha e dolcetto in una casa da tè

Scuole e associazioni di Cerimonia del Tè in Italia

[Conosci un'associazione o scuola di Cerimonia del Tè in Italia non presente in questa lista? Invia una email e segnalala]
  • Omotesenke - (Firenze)
  • Urasenke Milano - (Milano)
  • Doozo - (Roma)
  • Urasenke Roma - Via Giovanni Nicotera, 29 - Tel 06 320-7361 - (Roma)
  • Ikebana Ohara - (Venezia)
  • Chanoyu Vicenza - (Vicenza)
  • Tour guidati, attività e altre cose da fare

    Se stai programmando un viaggio in Giappone e vuoi fare qualcosa in più oltre a visitare luoghi e monumenti famosi, ti consigliamo di utilizzare Rakuten Travel Experiences.

    Come si usa Rakuten Travel Experiences

    Rakuten Travel è un sito web molto utile per arricchire la tua esperienza di viaggio, soprattutto se vai da solo o è la tua prima volta in Giappone.
    A causa delle barriere linguistiche (e non solo), in Giappone è molto difficile interagire con la gente del posto e uscire dai circuiti turistici.
    Grazie a Rakuten Travel puoi trovare molte visite guidate e attività interessanti e talvolta uniche in tutto il Giappone (e non solo in Giappone), che altrimenti non potresti mai goderti.
    Ma c'è di più: su Rakuten Travel puoi anche acquistare i biglietti per diverse famose attrazioni, eventi, trasporti e altri servizi utili per i turisti. Ultimo ma non meno importante, puoi prenotare un tavolo in centinaia di ristoranti.

    Alcuni esempi

    Dai uno sguardo a Rakuten Travel Experiences

    Altri contenuti che potrebbero interessarti

    Seguici su youtube
    Vai in Giappone quest'estate? Non perdere l'ultima meravigliosa attrazione di Tokyo inaugurata il 21 giugno 2018! Guarda il video per scoprirla



    YOUINJAPAN.NET su Facebook YOUINJAPAN.NET su Instagram YOUINJAPAN.NET su Youtube


    www.youinjapan.net 2011-2022 | Vietata la riproduzione dei contenuti senza autorizzazione
    <- Torna al menù
    Compara assicurazioni di viaggio →
    Ti serve un Pocket WiFi router per il tuo viaggio? →

    YOUINJAPAN.NET su Facebook YOUINJAPAN.NET su Instagram YOUINJAPAN.NET su Youtube
    www.youinjapan.net 2011-2022 | Vietata la riproduzione dei contenuti senza autorizzazione