YOUinjapan.net

ENG lan  ESP lan  ITA lan
<- Torna al menù

Seguici su youtube
Iscriviti al canale!
Sto per trasferirmi in Giappone
Il prezzo più basso in 1 clic
Cliccando sul pulsante in basso puoi scoprire da dove e in quali date partono i voli più economici dall'Italia al Giappone
About Questo sito non ti basta?


Yanesen

ultimo aggiornamento: December 17, 2014
Yanesen non è il nome di un unico quartiere, ma sta ad indicare un'area che si trova poco a nord rispetto al parco di Ueno, e comprende tre piccole zone confinanti le une alle altre: Yanaka, Nezu e Sendagi.

Il quartiere

Questa zona è una delle meno conosciute di Tokyo e alcune guide neppure ne parlano.
Secondo me invece è assai interessante, specialmente per chi è interessato alla "Tokyo tranquilla". Si tratta infatti di una delle poche zone che non subi' danni durante i bombardamenti della seconda guerra mondiale e quindi si possono ancora trovare (pochi) scorci risalenti a prima della guerra.

Nishi-Nippori

Le poche guide che parlano di questa zona fanno riferimento alla zona dalla stazione di Nippori in poi.
In realtà, una strada interessante da percorrere è anche quella che collega Nippori station con la stazione successiva lungo la Yamanote-line, ovvero Nishi-Nippori station, in cui si susseguono l'uno dopo l'altro alcuni piccoli templi e santuari. Invece di iniziare il vostro itinerario alla scoperta di Yanaka dalla stazione di Nippori, potreste cominciare proprio da Nishi-Nippori, raggiungendo Nippori station a piedi.

Cimitero di Yanaka

Un'area abbastanza estesa di questa zona, appena ad ovest di Nippori station, è occupata dal Yanaka Reien, un antico cimitero, che ospita tombe anche di artisti e attori famosi, in un'atmosfera surreale, silenziosa, "meditativa", le cui vie sono circondate da alberi di ciliegio che fioriscono in primavera e seccano in autunno, dando in entrambi i casi un tocco particolare al luogo, e popolate in ogni stagione da grandi e misterioso gatti. In questo cimitero riposa anche Tokugawa Yoshinobu, l'ultimo shogun della dinastia Tokugawa. Nei dintorni del cimitero si trovano vari piccoli templi, in particolare:

Tennoji Temple, il tempio più importante della zona, fondato nel tredicesimo secolo e andato parzialmente distrutto durante la guerra civile del 1868. In quell'occasione sopravvissero solo la pagoda e una grande statua di Buddha in bronzo. Nel 1957 anche la pagoda andò distrutta, a causa di un incendio doloso in cui si suicidò una giovane coppia (caso Arson), dunque la statua di Buddha, nota come Tennoji Daibutsu, è rimasta l'unica testimonianza dell'antico tempio, il cui resto degli edifici è stato ricostruito ad eccezione della pagoda di cui sono rimaste solo le rovine. Jomyoin temple, un tempio moderno i cui edifici non hanno nulla di interessante da dire, ma all'interno del cui giardino sono custodite 84000 statuette di Jizô, che nella tradizione buddista rappresentano tutti quei quei bambini morti durante la gravidanza, dunque prima di venire al mondo. La cosa migliore da fare in tutta questa zona è passeggiarci, scoprendo lungo le sue strette vie numerosi santuari, antiche case in legno, negozi artigianali di tatami, kimono, tofu, e altro, in particolare lungo Yanaka Ginza, una via commerciale lunga 150 metri nei pressi di Nippori station dove si concentrano circa 70 negozi, dai prezzi particolarmente bassi soprattutto per quanto riguarda lo street food. Tra i tanti templi e santuari presenti, uno è molto più famoso di tutti gli altri, il Nezu Shrine, costruito nel 1705, famoso anche per un festival della fioritura delle azalee da metà aprile a inizio maggio.

Segnalo infine la presenza di un piccolo museo, l'Asakura Sculpture Hall, un' antica casa che rappresenta già di per se un interessante esempio di architettura tradizionale giapponese, una volta laboratorio dello scultore Fumio Asakura, che oggi ospita molte sue opere all'interno.

Dormire a Yanaka, Nezu, Sendagi

In questa zona si trova qualche piccola ryokan conduzione familiare e abbastanza economica.
Si tratta di una zona non il massimo della comodità per spostarsi, infatti per raggiungere molti luoghi bisogna effettuare almeno un cambio, ma in zona si trovano comunque almeno 3 stazioni e i trasporti a Tokyo come sapete funzionano una meraviglia, dunque questo non è un gran problema.
L'aspetto più negativo è che si tratta di un quartiere completamente deserto la sera, quindi a meno che non volete andare a letto subito dopo cena dovete necessariamente andare da qualche altra parte e stare attenti a tornare prima che chiuda la metro.
Consiglio personalmente la ryokan Sawanoya.

Guida pratica, come raggiungere Yanaka, Nezu e Sendagi

La stazione più importante è sicuramente la stazione di Nippori vicino al cimitero di Yanaka. Da qui infatti passa la Yamanote line, i treni della Keisei per l'aeroporto di Narita, e la Keihin-Tohoku Line della JR che collegano Saitama con Yokohama passando per zone utili come Ueno, Akihabara, Tokyo station, Shinbashi e Shinagawa, oltre che una linea ferroviaria che và verso il nord del Giappone.
Sendagi station e Nezu station sono invece due fermate consecutive della Chiyoda line della Tokyo metro, che tra le tante passa ad esempio da Omotesando e Hibiya, due stazioni utili per cambiare con un'altra linea verso altre zone famose.
In ogni caso Yanaka, Nezu e Sendagi sono esplorabili tranquillamente a piedi nella loro interezza, qualsiasi sia la stazione in cui scendete.
Con un buon senso dell'orientamento ci si arriva tranquillamente anche dalla stazione di Ueno attraversando tutto parco.

Mappa di Yanaka, Nezu e Sendagi, Tokyo


Visualizza Yanaka, Nezu, Sendagi in una mappa di dimensioni maggiori

Altri contenuti che potrebbero interessarti




YOUINJAPAN.NET su Facebook YOUINJAPAN.NET su Instagram YOUINJAPAN.NET su Google+ YOUINJAPAN.NET su Youtube


www.youinjapan.net - Vietata la riproduzione dei contenuti senza autorizzazione - Autore: Davide Lee
<- Torna al menù

YOUINJAPAN.NET su Facebook YOUINJAPAN.NET su Instagram YOUINJAPAN.NET su Google+ YOUINJAPAN.NET su Youtube
www.youinjapan.net - Vietata la riproduzione dei contenuti senza autorizzazione

Autore: Davide Lee